Prestiti di Poste Italiane: vantaggiosi o no?

posteIn un panorama bancario costituito da attori sempre meno solidi, almeno meno rispetto a quanto si credeva un tempo (si vedano i crac di Mps, Banca Marche ecc.) tra i possibili enti autorizzati ad erogare finanziamenti, adesso è entrato in gioco Poste Italiane, i cui prestiti sembrano essere vantaggiosi, soprattutto perché sono di 5 tipologie diverse, di cui ciascuno varia sia in termini di durata che di rate.

La prima domanda che si pongono i Risparmiatori interessati ad un Prestito è:
Ma i Prestiti erogati da Poste Italiane sono dedicati solo a chi possiede un Banco Posta o sono rivolti a tutti?

In realtà sono rivolti a tutti. Chiaramente ai titolare di un Conto Banco Posta vengono riservate migliori modalità di cessione. Infatti il prestito di Poste Italiane più richiesto ed erogato, perché sicuramente con condizioni particolarmente vantaggiose, è proprio quello dedicato ai titolari di un conto.

Ai possessori di un conto è destinato un prestito che può raggiungere i 30mila euro, con una durata che va dai 12 mesi (un anno) agli 84 mesi (sette anni). Il TAN e il TAEG di questo prestito sono differenti a seconda che l’utente scelga se accreditare o meno lo stipendio o la pensione sul proprio Conto BancoPosta.
Se accredita le sue entrate sul conto il TAN è del 10,25%, mentre il TAEG è del 10,87%.
Se non accredita le sue entrate sul conto il TAN è del 10,95% e il TAEG dell’11,65%.

Condizioni ancora differenti vengono offerte a chi possiede un conto con le Poste online. Anche questi possono ottenere un prestito che va da 1500 euro a 30mila euro in un periodo che va dai e la durata va dai 12 mesi (un anno) agli 84 mesi (sette anni) esattamente come “Prestito BancoPosta”.

Quali sono invece i Finanziamenti destinati a chi non ha un Conto Banco Posta?
Poste Italiane ha studiato uno strumento per chi non ha un conto presso di loro, Prontissimo Banco Posta. In realtà questa tipologia di finanziamento è dedicata veramente a tutti, anche a chi non è solito depositare denaro né in banca né presso un istituto. Soldi anche a loro ma a condizioni ovviamente meno vantaggiose.
Il TAN è del 12,50%, mentre il TAEG è del 13,25% con un’erogazione di denaro che  va da un minimo di 1500 euro ad un massimo di 10mila con una durata che va dai 24 mesi (ovvero due anni), ai 72 mesi (ovvero sei anni ).

I tre finanziamenti suddetti sono quelli più diffusi ma Poste Italiane mette a disposizione dei propri clienti altre due tipologie di finanziamento più adatte ai più giovani, agli studenti o a ha cominciato a lavorare da poco. Finanziamenti più adatti a chi non si fida del tasso variabile e vuole un tasso fisso e quindi sicurezza a lungo termine.

“Prestito Click BancoPosta”, finanziamento a tasso di interesse fisso, anche se il cliente può modificare l’importo della rata anche in corsa .
E infine“Special Clash Postepay”, prestito destinato a chi possiede una Postepay. L’accredito, infatti, in questo caso viene erogato sulla Postepay.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.