La legge di Stabilità

aa

 

La prossima legge di Stabilità si avvicina e, come ogni anno, man mano che ci si appropinqua alla possibile data di promulgazione, il tono del dibattito politico e del confronto tra le parti avverse in tema di legge di Stabilità si incrementa in maniera molto evidente. A contii fatti, quest’anno, almeno sulla carta e da un punto di vista di un esame aprioristico, sembra che non accadrà nulla di nuovo e che quindi infurieranno le polemiche in materia della prossima legge di Stabilità. E ci saranno quelle parti, politiche e non, pronte a gettare benzina sul fuoco in modo strumentale oppure a criticare in ogni caso la qualità della prossima legge di Stabilità stessa, quasi indipendentemente dal reale contenuto della futura legge di Stabilità.

 

La legge di Stabilità: cosa ci dobbiamo aspettare

Ma, come è nostra buona abitudine consolidata ormai da lungo tempo, procediamo con ordine e iniziamo a comprendere alcuni degli elementi di base che più potrebbero esserci di aiuto e di sostegno nel corso della nostra disanima in materia di legge di Stabilità e di tutto quanto vi sia più o meno strettamente collegato, una discussione la nostra per altro anche abbastanza sintetica ma che ci auguriamo rimanga sempre e comunque sufficientemente chiara ed esauriente per tutti coloro che ci leggono. In effetti i dati che abbiamo oggi noi in possesso per iniziare ad impostare il nostro dibattito, ridottissimo naturalmente per le ben note ragioni di sintesi, sono sì pochi, ma comunque relativamente importanti. E conviene anche interessarsi a Legge di Stabilità Definizione, Legge di stabilità Wikipedia, Legge di Stabilità 2014 Pensioni, Legge di Stabilità 2014 Detrazioni, Cos’è La Legge di Stabilità, Disegno di Legge Stabilità 2014, testo Legge di stabilità 2014.

La legge di Stabilità: manovra da 30 miliardi

 

Nella fattispecie, i dati in tema di legge di Stabilità cui stiamo facendo riferimento per approntare un primo esame dei numeri e dei fatti legati in maniera diretta alla prossima legge di Stabilità stessa, li deduciamo dalle recentissime dichiarazioni in materia rilasciate in pubblico, in occasione dell’assemblea di Confindustria a Bergamo per la precisione, da parte del presidente del Consiglio Matteo Renzi. Stiamo in pratica facendo riferimento al fatto che Renzi ha pubblicamente annunciato che la prossima legge di Stabilità sarà una manovra dal valore economico complessivo pari a circa 30 miliardi di euro. Inoltre lo stesso premier Matteo Renzi ha cercato di precisarne, sommariamente in questa prima occasione, il finanziamento sostenendo che il grosso della copertura per la prossima legge di Stabilità arriverà in parte dalla spending review (16 miliardi di euro) e in parte dal margine che il nostro paese si prenderà in seno all’Unione Europea portando il rapporto deficit/pil al limite del 2,9% (11,5 miliardi di euro).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.